BellaVera

LA QUESTIONE PRIMA E DOPO

Ecco la mia intervista al dott. Enrico Motta.
Prima di passare oltre vorrei spiegarvi cosa è successo e perché pubblico questo materiale.

Qualche settimana fa ho fatto una story su instagram in cui mi arrabbiavo molto per le foto del BEFORE and AFTER (prima e dopo) pubblicate sul profilo di Kayla Itsines.

Per le profane, Kayla (che si legge cheila, mi raccomando) è una famosissima “trainer” australiana di 25 anni che ha un profilo instagram con 6,9 milioni di followers e vende un’applicazione per il telefonino per allenarsi attraverso il suo metodo BBG (bikini body guide)(l’applicazione si chiama SWEAT).

Il suo profilo, ripetiamolo, da 6,9 milioni di followers, è sostanzialmente fatto di foto di ragazze che hanno usato il suo metodo e si sono fotografate PRIMA e DOPO.

Beh, guardando le foto, io, che di anni ne ho quasi 43 e da 20 anni faccio il mio lavoro sono rimasta un po’ (tanto) perplessa perché le trasformazioni hanno del miracoloso.
Cambiamenti che nemmeno la liposuzione.
Per capirci:

Il mio sfogo su instagram story è stato ripreso da ELLE italia e si è scatenato l’inferno.

Io ero ignara che esistessero gruppi BBG pronti a scatenarsi contro me, ELLE e chiunque osi dire che le foto non sono realistiche.
Dopo giorni di battaglie a colpi di tag, post in cui mi hanno detto di tutto e interventi di chiunque avesse una tastiera ho deciso che volevo andare fino in fondo.

 

Perché?
Perché non mi piace che delle foto quantomeno ambigue vengano usate per scopi commerciali.

È facile vendere facendo sognare la gente, facendo leva sulle nostre debolezze.
Qualcuno mi ha detto che quelle foto sono motivanti e hanno spronato al cambiamento tante donne.
Non so.
Io credo che spronare al cambiamento coi giochi di luce o con photoshop non sia una gran cosa.
Personalmente ho sempre preferito l’onestà.

Ancora più personalmente, ma questa è davvero solo un’opinione di Cristina, nemmeno dell’estetista cinica, mi fa ridere che una donna decida di cambiare per avere un corpo da bikini da mostrare compulsivamente in foto del Prima e Dopo su instagram (se andate a vedere i profili delle adepte di Kayla sono così: un susseguirsi di foto in bikini, in completino ginnico, in mutande, di before and after) ma comprendo che ognuno ha la sua morale e sceglie le priorità della vita.

La cosa che mi fa veramente arrabbiare, come estetista cinica, come professionista e come commerciante, nonché come donna, è che tutto questo materiale fotografico viene usato PER VENDERE.
La nostra Kayla e il suo fidanzato fatturano milioni di dollari con la loro applicazione di fitness usando materiale fotografico di cui non controllano nemmeno l’autenticità.
Ripostando compulsivamente foto di profili altrui.
Alcuni profili risultano inesistenti, alcuni profili sono privati, la stessa foto viene attribuita a nomi diversi, un grande disordine che fattura MILIONI sulla buona fede degli utenti.

Io, mi spiace, non sono in buona fede.

Nelle ricerche successive ai giorni di tempesta e grazie alle mie sostenitrici ho scoperto che la polemica delle foto sta sobbollendo più o meno dappertutto.
In rete ci sono addirittura i tutorial per farsi la foto del DOPO perfetta, spiegano come scegliere la luce giusta, il pantalone giusto e la posa giusta.
Anche la nostra Kayla ci ha mostrato una foto in cui non tira gli addominali.

Peccato il suo profilo pubblichi invece solo foto ECLATANTI.
Talmente eclatanti che pure io (43 anni e 20 nel settore dell’estetica) mi sono detta
FINALMENTE IL MIRACOLO FITNESS
Purtroppo però credo che di miracoloso ci sia solo la comunicazione di questo business.

Passiamo all’intervista ad Enrico Motta e aspettate quella di un preparatore atletico nei prossimi giorni.

Caro Enrico, mi sono cacciata in questa querelle sui social network per quello che mi hai insegnato TU e quindi ora mi devi aiutare a capire se ho capito male io o se mi trovo davanti ad un miracolo.
Passiamo alle domande scottanti.

  • Mi hai sempre detto che si chiamano ADIPOSITÀ LOCALIZZATE gli accumuli adiposi che resistono a DIETA E PALESTRA.
    Confermi?

Dobbiamo chiarire alcuni aspetti. Il numero di adipociti nell’adulto, fatto salvo alcune eccezioni, è in numero stabile ed è la genetica che definisce la costituzione di ogni individuo. La dieta e l’attività fisica non possono in alcun modo modificare il numero degli adipociti di un individuo. La dieta ipocalorica può ridurre il volume degli adipociti ma non il loro numero quindi, laddove sono maggiormente rappresentati, rimangono tali. L’attività fisica può contribuire al successo di una dieta in quanto aumenta il consumo calorico del soggetto e aumenta il tono muscolare.

Traduzione dal medichese.
Il numero di cellule adipose del corpo umano è fisso e invariabile.
Quando ingrassiamo le cellule adipose si  gonfiano, quando dimagriamo si sgonfiano.
Se in una zona del corpo ci sono più cellule adipose anche se dimagriamo in quella zona avremo comunque più cellule adipose.

  • Ho visto molte foto di donne che con questo tipo di allenamento hanno risolto il problema delle coulottes de cheval.
    La mia esperienza mi ha insegnato che le coulottes de cheval spesso resistono a tutto.
    Cosa mi dici?

Sulla base di quanto detto prima il numero di adipociti che costituiscono l’adiposità della regione trocanterica rimane tale anche a seguito di qualsiasi tipo di allenamento. Un calo ponderale ne può ridurre il volume ma la silhouette corporea rimane in buona sostanza riconoscibile. Va detto che l’aumento del tono del muscolo grande gluteo ne produce un sollevamento che può in un certo qual modo trazionare verso l’alto anche i tessuti molli circostanti ed in particolar modo quelli della coulotte che possono apparire ridotti.

Traduzione dal medichese.
Tonificando il gluteo si può “in certo qual modo” far salire il tessuto accanto alle coulottes e i loro volumi possono apparire ridotti.

La cinica dice che,
resta il mistero:

  1. di questa foto in cui le coulottes ci sono e le gambe si toccano

2. della stessa ragazza senza coulottes e senza gambe che si toccano

In verità la ragazza stessa spiega in che posizione mettersi per ottenere questo tipo di foto sul suo account.
Peccato che sugli account di Kayla Itsines e BBG community questo non venga specificato.
Io trovo comunque scorretto l’uso di queste immagini decontestualizzate.

  • Tutte le pance possono diventare piatte?
    Intendo: io ho visto addomi prominenti dovuti a diastasi, a colite, a semplice conformazione.
    Ritieni che con adeguate sessioni di addominali tutte possiamo avere la pancia superpiatta?

No, i paziente che hanno un costituzione androide hanno per costituzione un addome più morbido a causa di una maggior presenza di tessuto adiposo endoaddominale e di una forma anatomica così definita per cui diventa impossibile, ad eccezione di casi estremi, pensare ad un ventre molto piatto.
Le diastasi dei muscoli retti più gravi hanno una soluzione solo chirurgica ed in questi pazienti l’attività fisica può essere addirittura controproducente.

Traduzione dal medichese:
non serve traduzione, penso si capisca.
Anche qui vale lo stesso discorso di prima.

Nei profili ufficiali si vede questa foto in cui la pancia sembra scomparsa:

ma guardando il profilo della ragazza si trova questa, molto meno sensazionale e compatibile con una dieta+esercizio fisico.

  • Dimagrimento e seno.
    È possibile scolpire un corpo a tal punto da eliminare le coulottes de cheval mantenendi invariato il volume del seno?

La mammella è costituita essenzialmente da due tipi di tessuto ovvero ghiandolare e tessuto adiposo. Il calo ponderale riduce il volume della componente adiposa e non quello della ghiandolare. È bene sottolineare che non sempre queste due componenti sono egualmente distribuite quindi è pensabile avere un calo ponderale senza riduzione volumetrica del seno sono nei casi limite, peraltro piuttosto rari, in cui la mammella è costituita essenzialmente da ghiandola.

Traduzione dal medichese.
Il seno è composto, salvo casi rari, di grasso ed è quindi MOLTO difficile che si perda peso senza perdere il volume del seno.
A meno che non si ricorra ad una mastoplastica additiva.
Nella mia instagram story “dello scandalo” io ho citato questa foto in cui mi sembrava strano che la ragazza in questione fosse così dimagrita senza perdere volume sul seno

 tranne poi scoprire, nel suo profilo, che il seno è rifatto.

Anche questo dettaglio è trascurato nei profili ufficiali.

Lo stesso discorso vale per questa foto che mi lasciava perplessa per il dimagrimento evidente ma senza perdita di volume del seno:

anche qui guardando il profilo della ragazza si nota che il seno è rifatto:

 

  • Cellulite.
    Lo abbiamo scritto in un libro e quindi dovrei saperlo da me ma mi dicono che io sono un’estetista e quindi sono ignorante, quindi, secondo te, che sei medico (non veterinario…) lo sport aiuta a combattere la cellulite?

Alcuni tipi di attività fisica possono migliorare la condizione microcircolatoria e mi riferisco in particolar modo alla camminata, al nuoto oppure al ciclismo moderato. Un miglioramento della funzionalità microcircolatoria prevede un miglioramento della pannicolopatia (cellulite) sono nei suoi stadi iniziali. Tendenzialmente lo sport è dannoso per la circolazione.

Traduzione dal medichese
Si capisce anche in medichese.

Perplessità…

qui chiaramente in una foto il gluteo è contratto, e se contraete il gluteo si vedono i buchi a tutte, questo lo so per certo. Sono i tendini…
nella seconda foto invece il gluteo è rilassato
vabbè….

  • Perdita di peso.
    È possibile perdere molto peso evitando la lassità cutanea facendo sport?
    Insomma in definitiva: il corpo è fatto di pongo e lo modelliamo a nostro piacimento?

Ancora una volta è opportuno sottolineare che non possiamo dare una regola assoluta sempre valida. Il calo ponderale, quindi la riduzione volumetrica corporea, comporta una ridondanza del suo contenitore cioè della pelle che solo in pazienti fortunate giovani con pelle particolarmente ricca di fibre elastiche e collagene non si tramuta in una riduzione della tensione. Evito di dire che il caso di un calo di pochi chilogrammi non può essere paragonato al calo massivi dei dimagramenti importanti.

Senza commento.

Cara Cristina, ricordati sempre che nel mondo del beauty dove includiamo cosmesi e fitness il cliente non sempre è alla ricerca di una vera soluzione al proprio problema ma spesso è consapevole e contento di “acquistare una illusione”.

11 pensieri su “LA QUESTIONE PRIMA E DOPO

  1. Nadia says:

    Ciao Cristina! Non è da molto che ti seguo e mi pento di non averlo fatto prima! Ci sono persone che sono talmente ossessionate dall’apparire perfette che si fanno abindolare da certe pubblicità! Non nego di non esserci cascata pure io facendomi venire paranoie assurde ma grazie a te e alla tua lotta sto imparando ad accettarmi così come sono! Ho passato un periodo dove ho dovuto fare una dieta ferrea per questioni di salute (reflusso) e da una parte ero contenta perché immaginavo di dimagrire e diventare un figurino….sono si dimagrita ma la forma del corpo è sempre rimasta quella nonostante facessi un po’ di attività fisica! Non sono “grassa” ma ho la ciambella e da che mi ricordo l’ho sempre avuta anche a 15 anni! Quindi non mi resta che accettarmi così come sono ed essere felice comunque!
    Vai avanti così! Sei la n.1!
    Grazie ancora! Baci!!!!

  2. Giovanna says:

    Mamma mia come hai ragione e ti posso confermare, per quanto riguarda l’addome che io che non faccio palestra per nulla ho la pancia piatta e gli addominali tonici…non faccio ASSOLUTAMENTE NULLA.
    Certo cerco di mangiare bene ed evitare quelle cose da evitare…ma un po’ è fortuna un po’ genetica.
    E ti dirò di più conosco alcune fitnessgirl, e confermo la faccenda del seno rifatto, per giunta ho anche azzardato a dire che per raggiungere certi livelli (parliamo già di attività fisica ad alti livelli) talune assumo “aiutini”.
    SACRILEGIOOOOOOO

  3. Veronica says:

    Ciao credo che più chiara e limpida di così non potevi essere. Credo che la tua battaglia contro le truffe e i foto shop sia giustissima continua così. Un bacio Veronica cinquantenne in menopausa un pochino sovrappeso ma soda e molto contenta del suo corpo.

  4. Katia bulow boje says:

    Certo bisogna usare la testa e non credere a tutto ciò che viene propinato su internet. Però non penso che un programma come quello di Kayla (di cui io faccio parte anche se non pubblico le foto miracolose,anche perché, come hai spiegato benissimo tu, non si tratta di miracoli) sia affatto da condannare. A lei va il grande merito di aver portato milioni di ragazze, donne e anche signore più anziane ad approcciarsi allo sport, a seguire una dieta varia ma equilibrata. Le foto hanno solo la funzione di spronarci. E se questo le porta grandi profitti ben venga, d’altronde costa meno l’app che l’abbonamento in palestra 😉

  5. Giulia says:

    Continuò a ringraziare la cinica, ma soprattutto Cristina, perché diffondendo giuste info e non porcate Photoshoppate, forse, e dico forse, il popolo del gentil sesso imparerà a capire che prendersi cura di se è ciò che rende bella una donna, perché presuppone che questa sia intelligente eh sì, anche se con un po’ di cellulite (un po’ eh, dico solo un po’). Dovresti fare la stessa battaglia, anzi anche peggiore, contro tutti i vari miracoli detox, tisane e loro cugini! Io che i rimedi della cinica li ho comprati tutti, il libro per primo, ho imparato a conoscere il nemico è adesso ho buone armi per sconfiggerlo, insieme a sana alimentazione e un po’ di pilates!!! Grazie cinica!

  6. Sara says:

    Facciamo un giochino?
    -Inizia una dieta
    -Inizia la BBG
    -Finisci la BBG
    -Ricominciala
    -Nel frattempo continua la dieta
    -Nell’arco di due anni, a quel punto non solo sarai un ex bambina grassa, ma anche un ex adulta grassa, e potremo riparlare degli effetti della BBG.

    Non puoi parlare di vendere un’illsuione quando, se tu perdessi meno tempo a fare l’acida e ne spendessi un po’ di più ad informarti ti renderesti conto che i risultati dell’allenamento sono veramente straordinari.

    Fonti: ti direi me stessa, ma tanto a te non importa. Sta di fatto che dopo 8 mesi persino il medico ha creduto che mi fossi fatta la liposuzione.

  7. Debora says:

    No vabbeh… allora… a me le foto dei prima e dopo dimagrimenti vari lasciano sempre moooolto perplessa e infatti anch’io quando andavo a controllare i profili di chi pubblicava queste foto spesso li trovavo privati o inesistenti. È vero! Non è giusto vendere sulle insicurezze degli altri e fai bene ad arrabbiarti! Circa tre anni fa, a causa di una delusione ho smesso di mangiare adeguatamente, non facevo più un pasto completo (o lo saltavo del tutto!) e tutto quello che riuscivo a mangiare era una porzione di 50 grammi di cibo, tutto quello che era al di fuori di questa porzione mi creava nausea, inoltre ero molto nervosa e al mattino appena sveglia per sfogarmi facevo ginnastica per mezzora e fanghi anticellulite + idromassaggi in continuazione. Ho perso molto peso sì certo ma decisamente troppo in fretta e non con le giuste modalità e questo mi ha portato a dei problemi di salute che ancora adesso sto cercando di risolvere! È necessario prestare molta attenzione a come si cerca di trovare la forma fisica, non deve essere una forma fisica che ho visto sui social ma deve essere quella più adatta al proprio corpo!

  8. Vanina says:

    Complimenti, molto chiaro tutto. In oltre posso confermare essendo una appassionata delle foto sui social, che il segreto sta nella pose: pancia dentro, glutei fuori, ecc. Come chiaramente hai fatto notare. L’unica cosa che non si riesce a togliere , non uso filtri ( quasi mai ) ed ho 39 anni, è la cellulite, non ho mai creduto neanche alle creme, e perciò non ho mai comprato l’illusione. Mia mamma aveva cellulite, mia figlia anche è cosi via… Diciamo che credo molto nella genetica,
    Purtroppo chi segue queste pagine non pensa neanche al guadagno che percepiscono certe persone ingannando la gente.
    Brava secchiona, continua a studiare a scrivere post come questi!😉

  9. laura says:

    io ho provato a fare quell’allenamento a casa, perchè non ho tempo per andare in palestra in questo periodo della mia vita e le due gravidanze abbastanza ravvicinate con corredo di taglio cesareo mi hanno abbastanza spappolato la pancia. Prima era piattissima, è dal 2010 che sembro incinta di 4-6 mesi a seconda del periodo del mese e quindi del gonfiore pre mestruo ecc.
    Io credo che anzitutto fare un allenamento così intenso da sole a casa non sia sano perchè ci si può fare male a fare da sole. Non è come andare a camminare o in piscina, ci sono salti, affondi, plank e tutta una serie di esercizi che se fatti male, possono fare danni.
    E poi boh, a me sta ossessione delle foto un po’ mi inquieta. Sembrano foto segnaletiche dei film americani, versione fitness 😉

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *